tamai

Il Gazzettino: “A quindici anni combatte contro i ritardi della politica”

Jul 19, 2010
Nessun commento
Una lunga intervista firmata da Lara Zani è apparsa sul Gazzettino di Domenica 18 Luglio. Ecco qui di seguito il link per la lettura ed un breve estratto dalla pagina de “Il Gazzettino”.

Ha quindici anni, ha frequentato il primo anno del liceo scientifico «Marinelli» di Udine e vive a Lestans di Sequals, mille abitanti, nella quale, fino all’aprile scorso, l’accesso alla rete era difficile e lento. Se da tre mesi nel paese che diede i natali a Primo Carnera il digital divide è stato superato, il merito è di Federico Morello, liceale con la passione per il computer ma anche per il tennis e la chitarra. Federico, oggi responsabile per il Friuli Venezia Giulia dell’associazione contro il gap tecnologico, ha infatti condotto per oltre un anno la battaglia che gli ha consentito di portare internet veloce nel suo comune, e attualmente lavora per estenderlo ad altri paesi ancora scoperti in provincia di Pordenone ma anche di Udine. Il tutto facendo da ponte tra importanti provider internazionali e amministrazioni pubbliche. La prossima settimana, inoltre, nascerà ufficialmente FriuliAdd, sezione autonoma di Add friulana facente parte dell’associazione stessa.(((zanil)))

Fonti: Il Gazzettino (articolo), Il Gazzettino (bio)

Il Gazzettino: Banda Larga a Tamai

Jul 19, 2010
Nessun commento

Ecco l’articolo de “Il Gazzettino” di giovedì 27 Maggio riguardante Tamai e la riunione organizzata da Ivan Baita:

Giovedì 27 Maggio 2010,
Un ragazzino in cattedra per spiegare ad un intero paese tutti i segreti del wi-fi. E’ accaduto a Tamai di Brugnera, dove una platea di oltre 120 persone ha ascoltato, in religioso silenzio, la relazione di Federico Morello, il quindicenne responsabile dell’associazione “Friuli anti digital divide”, capace di vincere una battaglia, nel suo paese, Lestans di Sequals, e di ottenere internet veloce al posto della precedente connessione tartaruga. Un’esperienza che ora si vorrebbe replicare, tanto nella frazione di Brugnera, quanto in altre piccole realtà della Destra Tagliamento ancora tagliate fuori da collegamenti adeguati con la rete virtuale. Una situazione che accomuna Pasiano, Villanova di Prata, Casut di Fontanafredda, Polcenigo e Budoia, solo per fare alcuni esempi tra i più eclatanti, dove stanno sorgendo comitati spontanei di protesta.
L’affollata assemblea di Tamai è servita a svelare alla popolazione il servizio wi-fi, che è già attivo da quasi un anno, ma che in pochi usano, non conoscendone l’efficacia. «In attesa della chimera Adsl – ha fatto sapere Ivan Baita, responsabile locale dei movimenti per abbattere il divario digitale -, è importante che la gente conosca le alternative, che garantiscono buone velocità di navigazione. Per il futuro – ha aggiunto – è stato instaurato un proficuo dialogo con l’amministrazione e col sindaco Ivo Moras, grazie al quale si potrà pensare di ottenere le fibre ottiche o il wi-max, per assicurare a tutti i necessari collegamenti telematici veloci».
Quanto alla relazione del giovanissimo studente di Lestans, la reazione del pubblico è stata di stupore, ma soltanto nel conoscere la sua età. «È incredibile – ha commentato uno dei presenti -: si esprime con una competenza rara, come da relatore consumato. Ha ragguagliato la platea sulle varie opportunità di questo servizio esortando gli scettici ad aderirvi per provarne da subito quelli che ritiene indubbi vantaggi. La cosa originale è che nessuno ha messo in dubbio le sue affermazioni. Non era importante la sua carta di identità, ma la pienezza dei concetti che ha saputo esprimere».

Giovedì 27 Maggio 2010,Un ragazzino in cattedra per spiegare ad un intero paese tutti i segreti del wi-fi. E’ accaduto a Tamai di Brugnera, dove una platea di oltre 120 persone ha ascoltato, in religioso silenzio, la relazione di Federico Morello, il quindicenne responsabile dell’associazione “Friuli anti digital divide”, capace di vincere una battaglia, nel suo paese, Lestans di Sequals, e di ottenere internet veloce al posto della precedente connessione tartaruga. Un’esperienza che ora si vorrebbe replicare, tanto nella frazione di Brugnera, quanto in altre piccole realtà della Destra Tagliamento ancora tagliate fuori da collegamenti adeguati con la rete virtuale. Una situazione che accomuna Pasiano, Villanova di Prata, Casut di Fontanafredda, Polcenigo e Budoia, solo per fare alcuni esempi tra i più eclatanti, dove stanno sorgendo comitati spontanei di protesta. L’affollata assemblea di Tamai è servita a svelare alla popolazione il servizio wi-fi, che è già attivo da quasi un anno, ma che in pochi usano, non conoscendone l’efficacia. «In attesa della chimera Adsl – ha fatto sapere Ivan Baita, responsabile locale dei movimenti per abbattere il divario digitale -, è importante che la gente conosca le alternative, che garantiscono buone velocità di navigazione. Per il futuro – ha aggiunto – è stato instaurato un proficuo dialogo con l’amministrazione e col sindaco Ivo Moras, grazie al quale si potrà pensare di ottenere le fibre ottiche o il wi-max, per assicurare a tutti i necessari collegamenti telematici veloci».Quanto alla relazione del giovanissimo studente di Lestans, la reazione del pubblico è stata di stupore, ma soltanto nel conoscere la sua età. «È incredibile – ha commentato uno dei presenti -: si esprime con una competenza rara, come da relatore consumato. Ha ragguagliato la platea sulle varie opportunità di questo servizio esortando gli scettici ad aderirvi per provarne da subito quelli che ritiene indubbi vantaggi. La cosa originale è che nessuno ha messo in dubbio le sue affermazioni. Non era importante la sua carta di identità, ma la pienezza dei concetti che ha saputo esprimere».

Fonte: Il Gazzettino

Tamai, il secondo risultato!

Jul 19, 2010
Nessun commento

Il secondo traguardo Friuli Digital Freedom: Tamai di Brugnera.

Tamai è una frazione del Comune di Brugnera (PN). Un’altra isola tecnologicamente isolata, dimenticata dall’ex monopolista e dalle promesse governative.

Il nostro Coordinatore Ivan Baita non è rimasto a guardare: dandosi da fare ha organizzato una riunione informativa!

Alla riunione hanno partecipato:

  • Ivan Baita, Fondatore del gruppo “Tamai Anti Digital Divide” e coordinatore comunale Friuliadd.
  • Gasparotto Alberto, Partner NGI S.p.A.
  • Federico Morello, Responsabile Regionale Anti Digital Divide e Presidente FriuliADD
  • Serena Santin, Fondatrice del gruppo “Casut Anti Digital Divide” e Responsabile Comunicazione e Rapporti Stampa FriuliADD

    About

    This is the deafult sidebar, add some widgets to change it.

  • Twitter feed loading...